CENTRO STUDI

FRANCESCO FELTRIN

“...allora nessuno ci aveva chiamato a fare qualcosa
ma molti hanno sentito il bisogno di testimoniare con la lotta
la loro fede nella libertà”

F. Feltrin - Rubano 25 aprile 2008



Centro Studi Feltrin
Via Concariola, 7
35139 - Padova
info@centrostudifeltrin.it
In questa sezione è presente l'elenco degli eventi organizzati e a cui ha preso parte la nostra organizzazione, elencati in ordine di data (dal più recente al meno recente).
Gli eventi sono raggruppati in pagine (per impostazione predefinita è presente un evento per pagina) e possono essere consultati scorrendo la pagine tramite l'indicatore di pagine sotto riportato.
Il numero di eventi per pagina può essere impostato tramite l'opportuna selezione, in modo da poter consultare più eventi in un'unica pagina.

Pagina:1234567Successivav
FESTA DELLA LIBERAZIONE 25/04/2022


PADOVA - 77° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE


Il Comune di Padova, in collaborazione con il Comando Forze operative Nord, organizza la cerimonia per l'anniversario della Liberazione.

Lunedì 25 aprile , ore 10.30 - via VIII febbraio, di fronte a Palazzo MORONI

- Alzabandiera

- Onore ai Caduti e deposizione delle corone di alloro

- Intervento del Sindaco di Padova

- Intervento della Rettrice dell'Università degli Studi di Padova

**********

"OLTRE IL PONTE" TESTO DI ITALO CALVINO - MUSICA DI SERGIO LIBEROVICI

O ragazza dalle guance di pesca

O ragazza dalla guance d'aurora

Io spero che a narrarti riesca

La mia vita all'età che tu hai ora.

Coprifuoco: la truppa tedesca

la città dominava. Siam pronti

chi non vuole chinare la testa

con noi prenda la strada dei monti.

Ritornello

Avevamo vent'anni e oltre il ponte

oltre il ponte che è in mano nemica

vedevam l'altra riva, la vita,

tutto il bene del mondo oltre il ponte

tutto il male avevamo di fronte

tutto il bene avevamo nel cuore

a vent'anni la vita è oltre il ponte

oltre il fuoco comincia l'amore.


Silenziosi sugli aghi di pino

su spinosi ricci di castagna

una squadra nel buio mattino

discendeva l'oscura montagna.

La speranza era nostra compagna

ad assaltar caposaldi nemici

conquistandoci l'arma in battaglia

scalzi e laceri eppure felici.

Ritornello


Non è detto che fossimo santi

l'eroismo non è sovrumano

corri, abbassati, dài, balza avanti,

ogni passo che fai non è vano.

Vedevamo a portata di mano,

dietro il tronco, il cespuglio, il canneto

l'avvenire di un mondo più umano

e più giusto, più libero e lieto.

Ritornello


Ormai tutti han famiglia, hanno figli,

che non sanno la storia di ieri.

Io son solo e passeggio tra i tigli

con te, cara, che allora non c'eri.

E vorrei che quei nostri pensieri,

quelle nostre speranze d'allora,

rivivessero in quel che tu speri,

o ragazza color dell'aurora.

Ritornello


In questa poesia, musicata nel 1959 da S. Liberovici, Calvino si rivolge ad una ragazza immaginaria che rappresenta la nuova generazione e le racconta gli eventi, i sentimenti, le emozioni della sua generazione, di quando a vent'anni si doveva convivere con la guerra, vista attraverso gli occhi di un ventenne che si unisce ai partigiani per non sottostare ai nazifascisti.

Paradossalmente Calvino racconta che in quei giorni terribili i giovani scoprirono la felicità nella vita in comune, nella solidarietà reciproca, nella lotta per la libertà e nel combattere per la propria vita e per ideali comuni.



FESTA DELLA LIBERAZIONE 25/04/2021

PADOVA - 76° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE 25/04/2021

Programma celebrazioni:

  • 10.30 - via VIII febbraio, di fronte palazzo Moroni
  • alzabandiera;
  • onore ai Caduti e deposizione di una corona di alloro, a nome della città di Padova, a palazzo Moroni e di una di alloro presso la sede dell'Università degli Studi di Padova, Medaglia d'Oro al Valor Militare;
  • intervento di Sergio Giordani, sindaco di Padova;
  • intervento di Anna Vivoda, presidente provinciale dell'Associazione Nazionale Combattenti delle Forze Armate Regolari nella Guerra di Liberazione (ANCFARGL)

La cerimonia, realizzata in collaborazione con il Comando Forze operative Nord, si svolge in forma ridotta, data l'attuale situazione di emergenza sanitaria.

Per altre commemorazioni nel territorio vedasi il link:

www.padovanet.it


Accanto a tutti i partigiani combattenti e ai patrioti impegnati nella liberazione del nostro paese, va ricordata

l'Università di Padova che, unica fra quelle italiane, il 2 novembre 1945 venne decorata con Medaglia d'oro

al Valor Militare con la seguente motivazione


"Asilo secolare di scienza e di pace, ospizio glorioso e

munifico di quanti da ogni parte d'Europa

accorrevano ad apprendere le arti che fanno civili le genti,

l'Università di Padova nell'ultimo immane conflitto,

seppe prima fra tutte, tramutarsi in centro di cospirazione e di guerra;

nè conobbe stanchezza nè si piegò per furia di persecuzioni e di supplizi.

Dalla solennità inaugurale del 9 novembre 1943,

in cui la gioventù padovana urlò la sua maledizione agli oppressori e lanciò aperta la sfida,

sino alla trionfale liberazione della primavera 1945,

Padova ebbe nel suo Ateneo un tempio di fede civile e un presidio di eroica resistenza;

e da Padova la gioventù universitaria partigiana offriva all'Italia

il maggiore e più lungo tributo di sangue."






GIORNO DEL RICORDO 10/02/2021


Siamo partiti in un giorno di pioggia

cacciati via dalla nostra terra

che un tempo si chiamava Italia .....

le nostre vite imballate alla meglio

i nostri cuori ammutoliti ....

(Simone Cristicchi, Magazzino 18 canzone)


Il Comune di Padova e l'Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia organizzano la cerimonia commemorativa e alcune iniziative in occasione del giorno del ricordo, della tragedia delle foibe e dell'esodo degli Italiani da Istria, Fiume e Dalmazia (Legge 30 marzo 2004).

Causa COVID 19 tutte le cerimonie si tengono in maniera ridotta e con presenze limitate.

CERIMONIA

Mercoledì 10 febbraio - Palazzo Moroni, via VIII febbraio, 6:

  • ore 10.45 raduno partecipanti
  • ore 11 inizio cerimonia - alzabandiera - onore ai Caduti e deposizione di una corona di alloro.

INTERVENTI:

  • Sergio Giordani Sindaco di Padova
  • Andrea Todeschini Premuda presidente provinciale dell'Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.
Per le altre iniziative vedasi sito del Comune di Padova.
PADOVA - GIORNATA DELLA MEMORIA 2021 27/01/2021

COMMEMORAZIONE

Mercoledì 27 gennaio

ore 10.00: Tempio Nazionale dell'Internato Ignoto (zona Terranegra) cerimonia con alzabandiera ed onori ai Caduti

Intervento delle Autorità

ore 18.30 Tempio Nazionale dell'Internato Ignoto Santa Messa in Memoria dei Martiri Internati nei campi di concentramento e di sterminio.

Causa COVID -19 tutte le cerimonie si tengono con presenze limitate.


Giovedì 28 gennaio

ore 10.00:

incontri online organizzati dall'Università degli Studi di Padova: lectio magistralis del Prof. dell'Ateneo patavino Antonio Varsori sul tema "Roosevelt, Churchill e la Shoah: tra ambiguità e silenzi".

La lectio viene trasmessa in streaming sul canale Youtube dell'Università di Padova all'indirizzo: www.unipd.it/giornatamemoria2021

PADOVA - 75° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE 25/04/2020

Il Centro Studi "Francesco Feltrin"  per ricordare il 25 aprile, giorno della liberazione dal nazifascismo, ripropone la lirica di Piero Calamandrei in risposta alla provocatoria asserzione di Albert Kesselring "Gli Italiani devono farmi un monumento".


LAPIDE AD IGNOMINIA


Lo avrai

camerata Kesselring

il monumento che pretendi da noi italiani

ma con che pietra si costruirà

a deciderlo tocca a noi.

Non coi sassi affumicati

dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio

non colla terra dei cimiteri

dove i nostri compagni giovinetti

riposano in serenità

non colla neve inviolata delle nostre montagne

che per due inverni ti sfidarono

non colla primavera di queste valli

che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio dei torturati

Più duro d'ogni macigno

soltanto con la roccia di questo patto

giurato fra uomini liberi

che volontari si adunarono

per dignità non per odio

decisi a riscattare

la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare

ai nostri posti ci ritroverai

morti e vivi collo stesso impegno

popolo serrato intorno al monumento

che si chiama

ora e sempre

RESISTENZA


Della lirica posta sulla facciata del Municipio di Cuneo, città Medaglia d'Oro della Resistenza, vanno evidenziati due passaggi: il monumento al comandante tedesco viene costruito col silenzio di coloro che hanno preferito tortura e morte al tradimento; gli ideali che hanno portato alla Resistenza sono stati riscatto e dignità civili non odio.

Meritano di essere ricordate anche le parole di Egidio Meneghetti, membro del Comitato di Liberazione Regionale Veneto, incise sulla lapide in via S. Lucia a ricordo dell'impiccagione di tre combattenti per la libertà avvenuta il 17 agosto 1944:


"MAGNANIMITA' IL PERDONO

TRADIMENTO DEMENZA

L'OBLIO"







Eventi:

Pagina:1234567101112Successiva
FESTA DELLA LIBERAZIONE 25/04/2022
FESTA DELLA LIBERAZIONE 25/04/2021
GIORNO DEL RICORDO 10/02/2021